Incentivi fiscali per erogazioni liberali a sostegno delle misure di contrasto dell’emergenza COVID-19

1 Maggio 2020

La legge di conversione del Decreto Cura Italia ha inserito gli ENTI RELIGIOSI CIVILMENTE RICONOSCIUTI tra i destinatari delle erogazioni liberali, che beneficiano di incentivi fiscali in termini di detrazione d’imposta o deduzione dal reddito, di cui all’articolo 66, comma 1, del Decreto Legge 17 marzo 2020 n. 18, del quale riportiamo il testo completo vigente:

Art. 66 (Incentivi fiscali per erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno delle misure di contrasto dell’emergenza epidemiologica da COVID-19)

1. Per le erogazioni liberali in denaro e in natura, effettuate nell’anno 2020 dalle persone fisiche e dagli enti non commerciali, in favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro, finalizzate a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 spetta una detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito pari al 30%, per un importo non superiore a 30.000 euro.

2. Per le erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno delle misure di contrasto all’emergenza epidemiologica da COVID-19, effettuate nell’anno 2020 dai soggetti titolari di reddito d’impresa, si applica l’articolo 27 della legge 13 maggio 1999, n. 133. Ai fini dell’imposta regionale sulle attivita’ produttive, le erogazioni liberali di cui al periodo precedente sono deducibili nell’esercizio in cui sono effettuate.

3. Ai fini della valorizzazione delle erogazioni in natura di cui ai commi 1 e 2, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui agli articoli 3 e 4 del decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 28 novembre 2019.

4. All’onere derivante dall’attuazione del presente articolo si provvede ai sensi dell’articolo 126.

Si segnala, inoltre, che con Risoluzione n. 21/E del 27 aprile 2020 l’Agenzia delle Entrate ha fornito i primi chiarimenti proprio con riferimento all’articolo 66 di cui sopra: https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/2412773/RISOLUZIONE+21.pdf/b833249f-ad79-9ee3-a18d-600472a4d623

Condividi